ANATOMIA SOTTILE

I CORPI DELL’ESSERE UMANO.
L’Essere Umano non è costituito soltanto dal corpo FISICO, ma anche da altri corpi, chiamati “sottili” perché non percepibili con i normali sensi.
Il corpo ETERICO. Stampo energetico del corpo fisico. Qui scorre l’energia vitale intesa come salute fisica. Il corpo eterico si nutre di prana ed è il corpo di cui si occupano molte medicine alternative come la pranoterapia, il reiki, lo shiatsu.
Il corpo ASTRALE o emotivo in cui trovano sede le nostre emozioni umane. Le emozioni infatti costituiscono un vero e proprio corpo energetico. Questo spiega perché ci vuole del tempo per imparare a gestirlo e per integrare del tutto delle emozioni forti che ci accompagnano da molto tempo.
Il corpo MENTALE. Allo stesso modo dell’emozioni, anche i pensieri costituiscono un vero e proprio corpo. È l’ultimo dei corpi della personalità a formarsi.

Questi corpi sono quelli che costituiscono la Macchina Biologica degli Alchimisti, la personalità. Sono corpi umani, temporanei, veicoli di un’incarnazione soltanto. Sono quelli con cui di solito ci identifichiamo.
L’aggettivo “spirituale” si riferisce a ciò che è oltre questi corpi. Noi stiamo percorrendo un cammino spirituale reale, quando stiamo andando oltre queste tre dimensioni verso le prossime che vi elencherò.

Corpi di materia ancora più sottile e raffinata formano quella che chiamiamo Anima. Vedremo come questi corpi riflettano in maniera più elevata quelli inferiori.
– Il corpo CAUSALE è la mente dell’Anima. È il corpo in cui ha sede l’autocoscienza ed è il corpo più denso dell’Anima.
Questo corpo vive nei sottopiani del mentale superiore: il piano dell’intuizione. Qui abita la nostra Coscienza, ciò che siamo davvero. La stessa coscienza che si è incarnata più volte su questo pianeta e che ha una sua intelligenza pura. Nel corpo causale troviamo la storia e le scelte dell’Anima. Quando siamo in grado di guardare la vita dal corpo causale, vediamo che siamo noi i creatori delle nostre vite, che non abbiamo mai subito nulla, ma scelto e desiderato.
-Il corpo CELESTIALE o emotivo superiore. È il corpo dove hanno sede le emozioni animiche: amore, devozione, compassione, perdono, accoglienza, estasi,ecc
-Corpo della volontà animica.

Ho fatto questo elenco a partire dal corpo più denso per arrivare a quelli meno densi. Possiamo quindi capire perché risulta difficile ascoltare la nostra anima durante l’incarnazione: perché gli altri corpi più grossolani fanno molto più “rumore” della delicata voce del cuore.

Il lavoro di Risveglio della Coscienza è qualcosa di pratico, di fisico che plasma i nostri corpi sottili
e ne muta l’assetto.
I corpi sottili vengono chiamati anche campo energetico. Esso determina cosa viviamo nella nostra vita, perché attrae per risonanza altri campi energetici affini al nostro.
Il vero lavoro alchemico non si basa sull’acquisizione intellettuale di “insegnamenti spirituali”, ma sulla conoscenza e raffinazione dei corpi sottili.
Quando la nostra coscienza si sposta dall’identificazione con la tre dimensioni della personalità, all’identificazione con le dimensioni animiche realizziamo l’uomo-dio. L’uomo che è uomo e al tempo stesso il divino. Un Essere Umano Nuovo in Armonia con l’Universo.

EMOZIONI CRISTALLIZZATE E TRAUMI
Potete facilmente comprendere che tutto ciò che ancora non riusciamo a integrare di noi stessi – emozioni forti, pensieri ricorrenti, traumi e blocchi – è visibile sul piano emotivo e plasmabile, in quanto essi sono aggregazioni energetiche che vibrano a una determinata frequenza. Questa è l’utilità di intervenire nel campo energetico. Il lavoro non si ferma sul piano intellettuale ma scende in profondità a livello energetico, fino alla vera struttura di qualunque problematica.

IL LAVORO DELL’ARMONIZZAZIONE DEI CORPI SOTTILI
PERCHÉ OPERO SEGUENDO IL CORPO CAUSALE?
L’intervento può avvenire sui vari corpi: causale, mentale, astrale e eterico e la sua dolcezza è dovuta al fatto che è il corpo causale a guidare il trattamento.
Non c’è un intervento diretto sui corpi più densi (eterico, astrale mentale), in quanto intervenire direttamente sui corpi più densi può portare confusione, disequilibrio, emotività difficile da gestire
e ad una situazione che non è quella voluta dall’anima.
Infatti l’Armonizzazione mira a far esprimere l’Anima, non a guarire una personalità che è solo il riflesso di questa. Questo vale anche per l’INTERVENTO SUI CHAKRA. Intervenire in maniera incisiva su un chakra può essere dannoso, perché il sistema dei corpi dell’uomo è perfetto e guidato da intelligenza. Ogni “blocco” sui corpi più densi risponde a una precisa volontà del corpo causale.
La condizione ottimale di lavoro è portare il corpo causale stesso a dirigere i corpi inferiori, in linea con la volontà del momento di rilasciare vecchie informazioni non più utili per il suo percorso.
Infatti ci si trova a richiedere un intervento quando si sta compiendo un balzo evolutivo e si ricerca un aiuto esterno nel sostenere un processo che l’Anima ha già avviato.
Inoltre, può succedere che il Corpo causale non ricopra tutti i corpi più densi: l’Anima non regna sui corpi più densi della personalità. Questo accade dove ci sono profondi traumi che a livello sottile si vedono come delle zone bucate/aperte nel campo ed è come se in quella sfera, la coscienza non avesse potere di esprimersi e dirigere. In questi casi si procede con il riassesto dei corpi in quel punto, inviando la nuova informazione.
Si può intervenire su qualunque questione, attuale o derivante da vite precedenti, problemi emotivi, confusione, nodi karmici, a seconda della scelta di quell’anima.
Il riequilibrio a livello di corpi inferiori e dei chakra avviene come conseguenza della modificazione di informazioni e del nuovo assetto. Infatti possono essere necessari più interventi per riequlibrare completamente un chakra, ma è necessario per fare sì che ciò avvenga con dolcezza e con i tempi giusti per metabolizzare il cambiamento.
Addirittura la nascita di una malattia parte dal corpo causale stesso, per poi scendere nei vari piani, fino al corpo fisico, se la personalità non presta ascolto all’Anima. E allora anche il sintomo fisico diventa un messaggero spirituale.

4 PUNTI SU CUI SI BASA L’ARMONIZZAZIONE
INFORMAZIONE
ARMONIA
COMUNICAZIONE
COSCIENZA

L’Armonizzazione è un lavoro sull’INFORMAZIONE. I corpi sottili hanno una struttura a filamenti in
cui scorrono delle informazioni. Ogni filamento di ogni corpo è intrecciato e interconnesso a tutti gli altri.
ARMONIA. L’uomo è considerato come sistema complesso. Ogni punto del sistema è collegato agli altri, quindi è impossibile toccare qualcosa senza che tutto il resto ne sia condizionato. Per operare in maniera dolce e facilitare l’integrazione del cambiamento, è fondamentale mantenere l’armonia energetica costante.
La Connessione con il corpo causale della persona guida l’intero trattamento. Attraverso questa COMUNICAZIONE tra il mio corpo causale e quello della persona, pongo i miei corpi sottili al servizio ed esso mi guida nell’intervenire nelle zone da lui volute. Questo fa sì che il trattamento non si basi su un passaggio energetico da parte mia, ma che sia uno stimolo alla COSCIENZA ad auto-guarirsi, a risvegliarsi a se stessa e dirigere sempre di più la sua vita.

APPROCCIO ALCHEMICO
Non è un trattamento che si basa su un passaggio energetico, in quanto ritengo che ogni essere umano possieda un sistema perfetto e che abbia la stessa possibilità di attingere alla fonte. Io non immetto né tolgo energie dal sistema, perché esso è perfetto e un’emozione negativa è solo energia che vibra a una determinata frequenza, nel mio intervento si cambia la vibrazione/informazione di quell’energia: lavoro alchemico. Non c’è niente che sia sbagliato,
ma posso scegliere come manifestare un’energia. Per questo non è un lavoro di pulizia, ma un ricreare l’armonia nel sistema.